I

l progetto EduMusic nasce all’interno del Centro di Ricerca in Didattica delle Lingue (CRDL) dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e ha come obiettivo generale la ricerca e la formazione a docenti di italiano LS e L2 sul tema della canzone. Per questa ragione, riteniamo utile pubblicare alcuni nostri contributi in questo ambito e presentare lo stato dell’arte nella ricerca scientifica (con gli eventuali temi correlati) attraverso una bibliografia e la sitografia in continuo aggiornamento.

Coerentemente con una prospettiva di condivisione e di co-costruzione della conoscenza facilitata dalla rete, invitiamo i docenti a segnalarci siti e volumi o articoli non ancora inclusi nella nostra banca dati.

Gli aggiornamenti saranno a cadenza bimestrale; chi volesse contribuire può scrivere a formazione@edumusic.org

Bibliografia
  • Antonellini, M. (2002). Non sono solo canzonette. Temi e protagonisti della canzone d’autore italiana. Foggia: Bastogi.
  • Anvari, S. H.; Trainor, L. J.; Woodside, J.; Levy, B. A. (2002). Relations among musical skills, phonological processing, and early reading ability in preschool children. Journal of Experimental Child Psychology, 83.
  • Armellini, G. (2003). “Letteratura e altro: tra aperture teoriche, trappole burocratico-pedagogiche e artigianato didattico”. In Caon, F.; (a cura di), L’insegnamento della letteratura, numero monografico di Scuola e lingue moderne. SELMScuola e Lingue Moderne, 7-8.
  • Balboni, P. E. (2004), (a cura di), Educazione letteraria e nuove tecnologie. UTET Libreria: Torino.
  • Balboni, P. E. (1985). “L’uso delle canzoni nella didattica dell’italiano e delle lingue straniere”. Scuola e Didattica, 3.
  • Balboni, P. E. (1994). Didattica dell’italiano a stranieri. Roma: Bonacci.
  • Balboni, P. E. (2002). Le sfide di Babele. Insegnare le lingue nelle società complesse. Torino: Utet Libreria.
  • Balboni, P. E. (2005) Introduzione allo studio della letteratura italiana. Perugia: Guerra.
  • Balboni, P. E.; Cardona, M. (2002). Storia e testi di letteratura italiana per stranieri. Perugia: Guerra.
  • Balboni, P. E. (2004). “Being Many and Being One: The Language Policy of the European Union”. Mosaic, 3.
  • Barber, E. (1980). “Language Acquisition and Applied Linguistics”. Adfl Bulletin, 12.
  • Bartòk, B. (1977). Scritti sulla musica popolare. Torino: Boringhieri.
  • Begotti, P. (2008). “Dalla pubblicità alle canzoni: didattizzare materiale autentico per insegnare l’italiano a stranieri”. Itals. Didattica e linguistica dell’italiano a stranieri, 17.
  • Bencivelli, S. (2007). Perché ci piace la musica. Orecchio, emozione, evoluzione. Milano: Alpha test.
  • Blacking, J. (1973). How musical is man?. University of Washington Press, Washington, trad. It. (1986) Com’è musicale l’uomo?. Unicopli Ricordi: Milano.
  • Boscolo, P. (1997). Psicologia dell’apprendimento scolastico. Aspetti cognitivi e motivazionali. Torino: Utet.
  • Breen, M. P. (1985). “Authenticity in the Language Classroom”. Applied Linguistics, 1.
  • Byram, M.; Zarate, G. (1997). “Defining and Assessing Intercultural Competence: Some Principles and Proposals for the European Context”. Language teaching,29.
  • Caon, F. (a cura di), 2003, L’insegnamento della letteratura, numero monografico di Scuola e lingue moderne, numero monografico in SELMScuola e Lingue Moderne, nn. 7-8.
  • Caon, F. (2005). Un approccio umanistico affettivo all’insegnamento dell’italiano a non nativi. Venezia: Cafoscarina.
  • Caon, F. (2006). Insegnare italiano nella classe ad abilità differenziate. Perugia: Guerra.
  • Caon, F. (2008). Educazione linguistica e differenziazione. Gestire l’eccellenza e la difficoltà. Torino: UTET.
  • Caon, F. (2008). “Potenzialità della canzone per l’insegnamento della lingua, della cultura e della letteratura italiana”. Cuadernos de italianistica cubana, 9.
  • Caon, F. (2009), (a cura di). “Canzoni per l’italiano LS e L2”. SELMScuola e Lingue Moderne, 6.
  • Caon, F. (2009), (a cura di). “Canzoni per le lingue straniere”.SELMScuola e Lingue Moderne, 7.
  • Caon, F.; Lobasso, F. (2008). “L’utilizzo della canzone per la promozione e l’insegnamento della lingua, della cultura e della letteratura italiana all’estero”. Studi di glottodidattica, 1.
  • Cardona, M. (2001). Il ruolo della memoria nell’apprendimento delle lingue. Torino: UTET.
  • Cardona, M. (2009). “Musica e apprendimento linguistico”, SELMScuola e Lingue Moderne, 6.
  • Centro Fabrizio De Andrè (a cura di), (2009).Il suono e l’inchiostro. Chiarelettere: Milano.
  • Chegia, S. (1996). “L’unità didattica basata sulla canzone: una proposta per un approccio di tipo linguistico”. Educazione Permanente, 5-6.
  • Ciliberti, A. (1994). Manuale di glottodidattica. Firenze: La Nuova Italia.
  • Cisotto, L. (2005). Psicopedagogia e didattica. Roma: Carocci.
  • Colombo, A. (a cura di), (1996). La letteratura per unità didattiche. Firenze: La Nuova Italia.
  • Coppola, D. (2000). Glottodidattica in prospettiva pragmatica. Pisa: ETS.
  • Costamagna, L. (1996). “La canzone e la didattica dell’italiano come lingua straniera”. In Dalmonte, R. (a cura di), Analisi e canzone. Trento: Labirinti.
  • Costamagna, L. (1998). “Canzone e contesto sociolinguistico: implicazioni nella didattica dell’italiano come lingua straniera”, Atti del X Congreso internacional de lengua y literatura italiana. Rosario: Adilli.
  • Coveri, L. (2005). “Linguistica della canzone: lo stato dell’arte”. InTonani, E. (a cura di), Storia della lingua italiana e storia della musica. Italiano e musica nel melodramma e nella canzone. Atti del IV Convegno ASLI. Associazione per la Storia della Lingua Italiana (Sanremo, 29-30 aprile 2004). Firenze: Cesati.
  • Coveri, L. (2008). “Il dialetto nella canzone”. In Verdirame, R. (a cura di), Poesia in musica. Xxxvii Premio Brancati Zafferana (Zafferana Etnea, 27-30 settembre 2006), Atti. Catania: C.U.E.C.M.
  • Cremaschi Trovesi, G. (1996). Musicoterapia, arte della comunicazione. Roma: Magi.
  • D’annunzio, B.; Della Puppa, F. (2006). “Un modello operativo: l’unità differenziata stratificata”. In Caon, F. (a cura di), Insegnare italiano nelle classi ad abilità differenziate. Perugia: Guerra.
  • Dall’armellina, G. (2004). “Dalla poesia alla canzone, dal CD alla classe”. In Balboni, P. E. (a cura di), Educazione letteraria e nuove tecnologie. Torino: UTET.
  • De Angelis, E.; Sacchi, S.S. (a cura di), 2004. L’anima dei poeti. Quando la canzone incontra la letteratura. Arezzo: ZONA.
  • De Beni, R.; Moè, A. (2000). Motivazione e apprendimento. Bologna: Il Mulino.
  • Della Puppa, F. (2005). “Il ruolo della canzone e delle filastrocche”. In.It, 16.
  • Di Comite, F. (1994). “Lingua straniera, educazione musicale e interdisciplinarità”. SELM Scuola e Lingue Moderne, 3.
  • Diadori, P.; Troncarelli, D. (1990). “Una proposta per l’utilizzazione della canzone nella lezione di lingua”. Educazione Permanente, 6.
  • Falioni, J. W. (1993). “Music as means to enhance cultural awareness and literacy in the foreign language classroom”. Mid-Atlantic Journal of Foreign Language Pedagogy, 7.
  • Fazzoni, M. (a cura di), (2012). Canto un mondo libero. Poesia – canzone per la libertà. Pisa: ETS.
  • Freddi, G. (a cura di), 1987.Lingue straniere per la scuola elementare. Padova: Liviana.
  • Guglielmino, L. M. (1986). “The affective edge: using songs and music in ESL instruction”.Adult Literacy and Basic Education, 10.
  • Gulisano, R. (2007). “Lo sviluppo della competenza culturale attraverso l’insegnamento della storia della canzone italiana”. Itals. Didattica e linguistica dell’italiano a stranieri, 15.
  • Jolly, Y. (1975). “The Use of songs in teaching foreign language”. Modern Language Journal, 59.
  • Koelsch, S.; Gunter, T. C.; Wittfoth, M.; Sammler, D. (2004). “Interaction between syntax processing in language and in music: An ERP study”. Journal of Cognitive Neuroscience, 17.
  • Koelsch, S. (2005). “Neural substrates of processing syntax and semantics in music”. Neurobiology, 15.
  • Koelsch, S.; Schroger, E.; Gunter, T. C. (2002). “Music matters: Preattentive musicality of the human brain”. Psychophysiology, 39.
  • Kramsch, C. (1993). Context and Culture in Language Teaching. Oxford: Oxford University Press.
  • Krashen, S. (1983). “The din in the head, input, and the second language acquisition device”. Foreign Language Annals, 16.
  • Krashen, S. D.; Terrell, T. D. (1983). The Natural Approach. Oxford: Pergamon.
  • Lavia, S. (2013). Poesia per musica e musica per poesia. Dai trovatori a Paolo Conte. Roma: Carocci.
  • Leith, W. D. (1979). “Advanced French conversation through popular music”. The French Review, 52.
  • Levitin, D. J.; Menon, V. (2003). “Musical structure is processed in “language” areas of the brain: a possible role for Brodmann Area 47 in temporal coherence”. NeuroImage, 20.
  • Licari, A.(1983). Forme d’Ascolto e d’Interpretazione nella Moderna Canzone Francese. Bologna: Clueb.
  • Lozanov, G. (1978). Suggestology and Outlines of Suggestopedy. New York: Gordon & Breach.
  • Maess, B.; Koelsch, S.; Gunter, T. C.; Friederici, A. D. (2001). “Musical syntax is processed in Broca’s area: an MEG study”. Nature Neuroscience, 4.
  • Mezzadri M., 2010, Cantagramma, Perugia: Guerra.
  • Moro, A. (2001). “Syntax and the brain: Disentangling Grammar by Selective Anomalies. NeuroImage, 13.
  • Murphey, T. (1990). Songs and Music in Language Learning. Bern: Peter Lang.
  • Murphey, T. (1991). Music and songs. Oxford: Oxford University Press.
  • Musumeci, G. (2008). “Una canzone per imparare e riflettere. Lingua e cultura italiana come LS e L2”. Lingue e nuova didattica, 4.
  • Nambiar, S. A. (1993). “Pop songs in language teaching”. In Oller, J. W. JR. (a cura di), Methods that work: Ideas for literacy and language teaching. Boston: Heinle & Heinle.
  • Nicosia, M. P. (1996). “Canzoni ed insegnamento di una lingua straniera: aspetti comunicativi”. SELMScuola e Lingue Moderne, 34.
  • Patel, A. D. (2003). “Language, Music, Syntax and the Brain”. Nature Neuroscience, 6.
  • Porzionato, G. (1980). Psicobiologiadella musica. Bologna: Pàtron editore.
  • Rheinberg, F. (1997). Psicologia della motivazione. Bologna: Il Mulino.
  • Rings, L. (1986). “Authentic Language and Authentic Conversational Texts”. Foreign Language Annals, 19.
  • Rossi, E. (2002). “Let’s Sing and Let’s Learn!: il potenziale didattico della musica e delle canzoni”. In Torsello, T. C.; Guerini, R. (a cura di), Innovazioni nell’apprendimento linguistico con il supporto del Cla. Padova: Cleup.
  • Salvini, F.; Serafini, C. (2003). Parlar cantando, canzoni per bambini. Perugia: Guerra.
  • Sandvoss, J. (1976). “Songs in Second Language Teaching: Uses of Imagery”. The Canadian Modern Language Review, 33.
  • Scarnecchia, P. (2000). Musica popolare e musica colta. Milano: Jaca Book.
  • Stefani, G. (1985). Competenza musicale e cultura della pace. Bologna: Clueb.
  • Titone, R. (1976). Psicodidattica. Brescia: La Scuola.
  • Tomatis, A. (1993). L’orecchio e la voce. Milano: Baldini & Castoldi.
  • Torresan, P. (2006). “Le intelligenze multiple applicate alla CAD”. In Caon F. (a cura di), Insegnare italiano nelle classi ad abilità differenziate. Perugia:Guerra.
  • Vassallo, M. L. (2006). “Il materiale autentico nell’era del costruttivismo”. In Itals. Didattica e linguistica dell’italiano a stranieri, 11.
  • Vedovelli, M. L. (2002). Guida all’italiano per stranieri. La prospettiva del Quadro Comune Europeo. Roma: Carocci.
  • Vettorel, P. (2006). “Canzoni in classe: la vita non è (tutta) fuori”. In Lingua e nuova didattica, 1.
  • Wallace, W. T. (1994). “Memory for music: effect of melody on recall of text”. Journal of Experimental Psychology: Learning, Memory, and Cognition, 20.
  • Widdowson, H. G. (1990). Aspects of Language Teaching. Oxford: Oxford University Press.
  • Widdowson, H. G. (1978). Teaching Language as Communication. Oxford: Oxford University Press.
  • Wilkins, D. A. (1976). Notional Syllabuses. Oxford: Oxford University Press.

Testi glottodidattici di carattere operativo esplicitamente dedicati alle canzoni

  • Caon, F. (2010). Parole in viaggio. Perugia: Guerra.
  • Costamagna, L. (1990). Cantare l’italiano. Perugia: Guerra.
  • Costamagna, L. (2010). L’italiano con le canzoni. Perugia: Guerra.
  • Geri, P. (2004). Manuale d’italiano per cantanti d’opera. Perugia: Guerra.
  • Mezzadri, M. (2010). Cantagramma. Perugia: Guerra.
  • Naddeo, C.M. (2000). Canta che ti passa. Firenze: Alma.
  • Naddeo, C.M. (2013). Canta che ti passa 2. Firenze: Alma.
  • Salvini, F.; Serafini, C. (2003). Parlar cantando. Canzoni per bambini. Perugia: Guerra.
Sitografia

Il sito tratta la funzione delle canzoni nell’educazione giovanile indicando temi e valori da impiegare nell’educazione dei giovani trattati dalle canzoni.

Nel sito Daniel Vatel presenta una visione cattolica del tema dell’utilizzo della canzone moderna nell’educazione giovanile.

Il sito contiene un articolo redatto da Caon, F.; Lobasso, F., in cui viene trattato il ruolo della canzone nell’educazione e nella comunicazione interculturale. La canzone, infatti, può promuovere contemporaneamente l’educazione linguistica e quella interculturale.

Il sito è una sezione del Portale delle Lingue dell’ANILS in cui compaiono articoli e bibliografie sulle canzoni in glottodidattica.

Il sito raccoglie i risultati di tre progetti europei relativi all’insegnamento delle lingue con il contributo delle canzoni.

La pagina web include una sezione sulle canzoni nell’italiano a stranieri.

materiali didattici da scaricare

Esercizi ed attività didattiche riguardanti l’apprendimento dell’italiano a stranieri attraverso le canzoni. Ogni 15 giorni viene aggiornato questo sito con nuovi materiali

Articoli in rete

http://www.nature.com/neuro/journal/vaop/ncurrent/full/nn.2726.html#/introduction. Ultima data di consultazione 14/10/14.

  • Valorie, Salimpoor, N.; Benovoy, M.; Longo, G.; Coperstock, J. R.; Zatorre, J. R., The Rewarding Aspects of Music Listening Are Related to Degree of Emotional Arousal,

http://www.plosone.org/article/info:doi/10.1371/journal.pone.0007487#s3. Ultima data di consultazione 14/10/14.